Articoli marcati con tag ‘la mappa non è il territorio.’

colloquio di lavoro?Preparati con la PNL

martedì, 12 febbraio 2013
Share

Hai mai pensato dopo un colloquio cosa avresti potuto dire,spiegare meglio o come avresti potuto giocare in modo diverso le tue carte?
Il perno di ogni colloquio è la comunicazione.
La comunicazione non si improvvisa.
Per comunicare con efficacia il tuo messaggio devi tenere bene in mente la formula
55/38/7

il 55% dipende  dal linguaggio del corpo
38%  dipende dal linguaggio paraverbale (tono, volume, timbro)
7%  dipende  dal contenuto del messaggio.

La Programmazione Neuro Linguistica (P.N.L) sviluppata nei primi anni ’70 da Richard Bandler e John Grinder offre varie tecniche che possono esserti utili per preparare il tuo colloquio

i 3 punti di vista
La PNL definisce “posizione percettiva” il punto di vista dal quale  percepire un evento o un rapporto con un’altra persona.
Saper guardare da prospettive diverse,mettersi nei panni di qualcun altro non è facile ma si può imparare.

Essere in grado di osservare una situazione secondo il modello del mondo di un’altra persona, offre spesso molte intuizioni e elementi nuovi.
Robert Dilts, Il potere delle parole e della PNL

Nella PNL uno dei presupposti  è ‘la mappa non è il territorio’.
Quello che di solito noi riteniamo essere la realtà esterna altro non è che una rappresentazione della realtà stessa.La mappa di una persona, nel suo insieme, racchiude rappresentazioni (immagini, suoni, sensazioni fisiche) e sistemi di credenze, valori, capacità…
Ogni evento della nostra vita, tutto ciò che vediamo e sentiamo, le nostre emozioni, sono pezzetti delle nostre mappe e vanno a formare un “mondo interno” che fa da filtro e da riferimento per vivere nel “mondo esterno”.

Fin dall’infanzia seguiamo una mappa di comportamenti che danno forma alla nostra personalità e alle nostre idee sulla vita e sugli altri.Ciascun funziona a partire da una certa mappa del mondo,
da come vede la realtà e dalle esperienze passate. Ognuno legge la realtà col suo filtro.
La distinzione fra modello e realtà è stata sottolienata da Alfred Korzybski nel suo libro ‘Scienza e sanità’ (1933)
Il concetto sembra lapalissiano.Chi confonderebbe,per esempio una cartina delll’italia con il suo territorio reale?Nessuno.
Korzybski ha osservato, invece,che le persone spesso confondono cioè che pensano in maniera soggettiva con la realtà.
La loro lettura della realtà diventa LA REALTA’ tout court

immagina…puoi

Immaginare di cambiare punto di vista può aiutarti a capire come una stessa situazione può essere percepita e vista con gli occhi di un’altra persona.

 Le tre posizioni percettive

il tuo punto di vistail colloquio dalla tua prospettiva personale
immagina di far scorrere i fotogrammi di un tuo recente colloquio di lavoro
come ti sentivi?
quale era il tuo stato d’animo?
che tipo era la persona che ti stava selezionando?
che espressioni del viso aveva?
che postura?
che cosa ti ha chiesto? che cosa ti ha detto?
usa il dialogo interno
Immagina di dirle a voce alta quello che effettivamento le avevi detto.
Ora fai idealmente il rewind della situazione,torna al punto di partenza e metti in standby.
staccati da questo punto di vista scuotendo gambe e braccia

il punto di vista del selezionatore il colloquio dalla sua prospettiva
immagina di essere nei suoi panni.Cerca di vivere la situazione calandoti in lui.
come respira?
che voce ha?come parla:lentamente o velocemente?

che atteggiamento ha?Come è seduto?
Cerca di imitare i suoi gesti, il suo modo di parlare….
fai le stesse domande e nota come il tu-candidato risponde

che cosa hai capito e imparato stando nei suoi panni?   

Ritorna al tuo punto di vista facendo 3 o 4 respiri profondi

il punto di vista dell’osservatore esterno il colloquio da una prospettiva indipendente
immagina di guardare,come in un film, la scena del colloquio fra te e il selezionatore come se fossi una specie di supervisore dietro uno specchio.
Ora puoi osservare come si pongono entrambi,il loro linguaggi non verbale,i loro toni di voce,come interagiscono e che tipo di comunicazione hanno.

che cosa hai visto,sentito,capito e imparato stando nei suoi panni?

Ritorna al tuo punto di vista personale facendo 3 o 4 respiri profondi

Copyright ©-Vittoria Nervi-counseling solutions-All Rights Reserved

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share